PILOTA BOSNIA: IL MENO ECCITATO E' LUI (2)
PILOTA BOSNIA: IL MENO ECCITATO E' LUI (2)

(Adnkronos) - Nei giorni successivi continuava a cercare il contatto radio con i soccorritori ma sempre stando attento a non farsi intercettare dai serbi che ogni tanto sentiva riavvicinarsi. Solo alla fine ha usato smaccatamente la radio, quando i soccorritori erano ormai vicini e all'ultimo momento ha lanciato anche un segnale di fumo giallo per farsi localizzare con precisione dagli elicotteri, costretti ad avvicinarsi evitando proiettili e perfino due missili.

Ai medici sulla Uss Kearsage ha detto per prima cosa: ''Non sento male da nessuna parte''. Ma quello era solo l'effetto dell'euforia, soprattutto dopo la chiacchierata al telefono con il presidente Clinton, perche' dopo un po' il male ha cominciato a sentirlo, nei muscoli e la lieve bruciatura sul collo riportata al momento del lancio con il seggiolino eiettabile del suo F-16.

I medici lo hanno trovato solo affamato, deidratato, con lievi bruciature sul collo e sulle anche (effetto dell'espulsione dalla carlinga che e' traumatica), come ha spiegato il ''primario'' della nave, Paul Rochereto. Subito dopo la visita e dopo essersi rifocillato e aver parlato col presidente, O'Grady e' letteralmente crollato, sprofondando in un sonno ristoratore. E i giornalisti e i fotografi, arrivati in elicottero, sono rimasti a bocca asciutta.

Nella ricostruzione del salvataggio, e' stato rivelato che la trasmissione radio ''smaccata'' di O'Grady e' stata captata ieri alle 2,08 ora locale da un pilota di F-16 della stessa squadriglia di Scott: era a viva voce e indicava anche il codice segreto del pilota, ''Basher 52''. Il pilota ha immediatamente preso contatto con gli Awacs della sorveglianza elettronica, uno dei quali nel giro di soli 12 minuti e' riuscito a localizzare O'Grady. (segue)

(Cab/As/Adnkronos)