AMBULANZE: IL GOVERNO INTERVIENE SU CODICE DELLA STRADA
AMBULANZE: IL GOVERNO INTERVIENE SU CODICE DELLA STRADA

Roma, 29 giu. - (Adnkronos) - La pressante richiesta dell'Associazione nazionale pubbliche assistenze e della Confederazione nazionale della Misericordie sostenuta per anni nei confronti del governo per la modifica delle norme speciali sulla patente per i volontari che guidano le autoambulanze, ha finalmente ottenuto, dopo estenuanti rinvii, un primo importante risultato: il Consiglio dei ministri ha infatti approvato un D.L. che all'art. 5 - riprendendo la proposta di legge del senatore Petrucci, De Luca ed altri - che stabilisce come il CAP KE potra' essere conseguito sulla base di norme da definire in un successivo decreto del ministero dei Trasporti. Quindi, in attesa del decreto, in cui merito sara' oggetto di continuazione del rapporto fra le Associazioni di volontariato ed il ministero dei Trasporti. I conducenti dei veicoli adibiti ai servizi di emergenza potranno guidare con normale patente B.

Questo decreto fa cadere la grave preoccupazione, espressa dalle Associazioni del volontariato al Governo ed ai Prefetti, che dal 1 luglio prossimo migliaia di ambulanze avrebbero dovuto fermarsi per l'impossibilita' di conseguire il certificato di abilitazione. L'A.N.P.AS. e la Confederazione delle Misericordie chiedono alle Camere, alle Commissioni ed ai gruppi parlamentari un impegno preciso per la conversione, nei tempi stabiliti, del decreto legge. Nel merito del decreto ministeriale sulle modalita' di conseguimento del CAP KE insisteranno sulle linee, peraltro comunemente individuate, in base alle quali il CAP KE sara' conseguito, con la validita' quinquennale, senza esami e senza oneri finanziari sulla base di una certificazione di idoneita' rilasciata dalla stessa associazione di volontariato. Esprimendo quindi soddisfazione per la possibilita' di svolgimento dei servizi si conferma un attento impegno per la completa definizione del problema.

(Dis/As/Adnkronos)