CALABRIA: CC OPERAZIONE ''ARANCIA'' - 6 ARRESTI
CALABRIA: CC OPERAZIONE ''ARANCIA'' - 6 ARRESTI

Reggio Calabria, 29 giu. (Adnkronos) - I Carabinieri hanno portato a termine stamani tra Gioia Tauro e Rosarno l'operazione ''Arancia'', che si e' concretizzata con l'esecuzione di sei arresti. Le indagini del caso presero il via il 30 dicembre del 1992 quando fu aperto un procedimento contro Antonino Pesce 47 anni, appartenente all'omonima cosca, avendo gli investigatori accertato l'esistenza di una cooperativa agrumaria denomianta Caoor il cui presidente pro-tempore risultava essere Francesco Mammola, accanto a cui, orbitavano personaggi del calibro di Giovanni Tutino, nipote di Antonino Pesce, la cui presenza metteva in allarme gli inquirenti sulla destinazione e l'utilizzo delle attivita' agrumarie.

Le indagini hanno, infatti, consentito di far luce su un'associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata alla commissione di truffe e falso di bilancio ed in atti pubblici per acquisire in modo diretto ed indiretto la gestione e il controllo della cooperativa Caoor per realizzare profitti e vantaggi illeciti.

Tali reati sarebbero stati consumati in due tempi: sia nella realizzazione dell'impianto di lavorazione degli agrumi e sia nella fase di controllo gestionale della cooperativa. (segue)

(Nsp/Gs/Adnkronos)