UNABOMBER: ALLARME NEGLI AEROPORTI, RIPORTA GLI USA ALLA GUERRA
UNABOMBER: ALLARME NEGLI AEROPORTI, RIPORTA GLI USA ALLA GUERRA

Los Angeles/San Francisco, 29 giu. -(Adnkronos/Dpa)- Una lettera anonima riporta l'america ai tempi della guerra del Golfo. Allarme e panico negli aeroporti, l'improvviso cambiamento di rotta di un aereo di linea in volo, il falso allarme scatenato da una radiolina su un altro, controlli severissimi mai registrati negli ultimi cinque anni, dai tempi delle minacce di Saddam, passeggeri e valige perquisiti uno per uno negli aeroporti della California. Questo hanno provocato le minacce di far esplodere un aereo lanciate da Unabomber, il serial killer battezzato cosi' dall'Fbi sulle sue tracce oramai da tempo, che in 17 anni ha ucciso tre persone e ferite altre 23 inviando lettere o pacchi bomba.

Sabato scorso il misterioso terrorista, in una lettera inviata al ''San Francisco Chronicle'', aveva minacciato di far saltare in aria un aereo in partenza dall'aeroporto interanzionale di Los Angeles entro sei giorni. E anche se oggi Unabomber ha inviato una contro-lettera al New York Times, in cui afferma di avere scherzato solo per ricordare al mondo la sua cattiveria, l'Fbi raccomanda di prendere sul serio le minacce del terrorista.

I passeggeri di un Jumbo 747 della United Airlines partito da Los Angeles e atterrato a Sydney, sono stati costretti a lasciare l'aereo in tutta fretta, immediatamente dopo l'atterraggio, a causa di un falso allarme bomba, e ancora ieri sera un aero parito da Portland diretto a San Francisco e' stato costretto a invertire la rotta e tornare indietro, sempre per la minaccia di una bomba a bordo. (segue)

(Giz/Pn/Adnkronos)