MANCUSO: FERRARA, SOLO CRISI RIDICOLA LO OBBLIGA AD ANDARE VIA
MANCUSO: FERRARA, SOLO CRISI RIDICOLA LO OBBLIGA AD ANDARE VIA
INESISTENTE MOZIONE SFIDUCIA, IRRICEVIBILI DIMISSIONI

Roma, 29 Giu. (Adnkronos)- Costituzione e regolamento della Camera alla mano, l'ex portavoce del governo Berlusconi Giuliano Ferrara definisce il ministro Guardasigilli vittima di ''una sciagurata aggressione dei partiti'' e nega la possibilita' di giungere per via parlamentare ad una sua sostituzione. ''L'unica strada per condurre in porto una tale grottesca sceneggiata -dice- sarebbe la crisi di governo: una crisi che si aprirebbe in spregio alle esigenze del paese e in totale inosservanza del senso dello Stato e del ridicolo''.

''La mozione individuale di sfiducia di cui si parla -spiega infatti Ferrara- e' uno strumento inesistente. L'art.115 del Regolamento della Camera, e della sola Camera, prevede una possibile richiesta di dimissioni che e' tutt'altra cosa. Per inoltrare la richiesta di dimissioni occorrono, come nel caso della mozione di sfiducia al governo, le firme di un decimo dei componenti dell'assemblea e una adeguata motivazione''. Ma nel caso di Mancuso, secondo Ferrara, manca quest'ultima.

''La richiesta di dimissioni del Guardasigilli -dice infatti- e' palesemente irricevibile e il Presidente della Camera dovrebbe tenerne conto: non si puo' chiedere ad un ministro di dimettersi per aver egli usato una sua prerogativa di legge e costituzionale, quale il potere ispettivo del ministro di Grazia e Giustizia. Non si puo' chiedere ad un ministro di dimettersi per avere egli rispettato la legge...''. (segue)

(Pol/Zn/Adnkronos)