PPI: ROTONDI, BRAVO BIANCO MA ATTENTO A 'BIG-BANG'
PPI: ROTONDI, BRAVO BIANCO MA ATTENTO A 'BIG-BANG'

Roma, 29 giu. (Adnkronos) - ''Messi come sono gli uomini del 'Gonfalone' erano condannati al big-bang. Hanno avuto la fortuna di trovare Gerardo Bianco: meno male per loro che se la sono tenuta ben stretta...''. Il 'Popolo' di domani dedica l'editoriale del proprio direttore Gianfranco Rotondi all'apertura del congresso dei Popolari, con un attestato di stima e apprezzamento nei confronti di Gerardo Bianco ma con una altrettanto determinata denuncia delle ''sette'' mcon cui Rotondi e' convinto Bianco si trovera' ora a che fare.

''Quella del Gonfalone -scrive fra l'altro Rotondi- e' una armata senza strategia: anzi, li' di strategie ognuno ne ha una diversa. C'e' chi vuole rifare il centro dopo Prodi, chi vuole il Partito Democratico, chi sogna la Dc e chi il suo contrario. C'e' di tutto e per tutti: una combriccola cosi' non si tiene assieme nemmeno con la colla piu' forte, quella che si fa con la resina della Quercia''. Se dunque Rotondi e' convinto che sono ''ringalluzzite le sette'' all'interno dei Popolari, egli ha fiducia che Bianco, una volta confermato segretario, ''li sapra' governare come si deve''. ''Noi ci congratuliamo con lui -scrive il direttore de il Popolo- perche' siamo contenti che egli torni a calcare la scena da protagonista. Bianco frequentera' le sette come attraversava le correnti democristiane, facendo credere a ciascuna di compenetrarvisi e tutti assieme portandole dove lui voleva, raramente mancando il colpo...''.

(Pol/As/Adnkronos)