L'INDIPENDENTE: 'QUERELLE' CON BALOCCHI SUL 'CASO MINIGONNA'
L'INDIPENDENTE: 'QUERELLE' CON BALOCCHI SUL 'CASO MINIGONNA'

Roma, 7 Lug. (Adnkronos) - In genere, quando due uomini vedono una ragazza in minigonna, il loro commento e' 'concorde'. Non e' cosi', pero', per il leghista Maurizio Balocchi, questore della Camera e consigliere di amministrazione de L'Indipendente, e Roberto Poletti, il giornalista dello stesso quotidiano che ha confezionato il 'pezzo' (cosi' come ha fatto il giorno successivo il Corriere della Sera) sulla collega Laura Collura che e' stata ripresa dai commessi della Camera per una minigonna giudicata fuori posto nelle austere sale del Palazzo.

Balocchi, conversando con un giornalista dell'Adnkronos, ha negato che ai questori di Montecitorio fossero giunte proteste da qualche parlamentare per l'abbigliamento della giovane giornalista o segnalazioni dai commessi. ''Pero' - rileva Poletti, interpellato dall'Adnkronos - ha detto con chiarezza che gli stessi commessi possono autonomamente richiamare quelle persone il cui abbigliamento non e' 'adatto' al luogo in cui si trovano, in questo caso, appunto, il Transatlantico di Montecitorio, dove la Collura intervistava Roberto Maroni. Ma dicendo queste cose, Balocchi non fa altro che confermare quanto scritto nell'articolo de L'Indipendente. Evidentemente, Balocchi non legge il 'suo' giornale, o legge solo i titoli, perche' la parola 'cacciata', riferita alla giornalista, e' stata usata solo per problemi di lunghezza del titolo. In ogni caso, Balocchi le notizie che da' L'Indipendente, il 'suo' giornale, le legge il giorno dopo su un altro quotidiano, parla di 'sedicente caso', invece di apprezzare il lavoro dei 'suoi' giornalisti, che ha permesso al quotidiano di raggiungere livelli di diffusione del tutto inattesi''. (segue)

(Fer/As/Adnkronos)