PUBBLICITA': ALOI (AN) CONTRO QUELLA CON PAROLE STRANIERE
PUBBLICITA': ALOI (AN) CONTRO QUELLA CON PAROLE STRANIERE

Roma, 12 lug. - (Adnkronos) - ''Sono inaccettabili e di cattivo gusto i messaggi pubblicitari che richiamano l'attenzione dei consumatori italiani utilizzando parole straniere''. Lo ha detto il deputato di Alleanza Nazionale Fortunato Aloi, che ha annunciato un'interrogazione parlamentare per sollecitare al governo un regolamento che vieti agli enti pubblici di informare il pubblico ricorrendo ai forestierismi. A suscitare l'iniziativa dell'ex sottosegretario alla Pubblica istruzione, a cui si deve l'istituzione della Commissione nazionale per la difesa e la valorizzazione della lingua italiana, e' stata la pubblicazione su alcune riviste della pubblicita' delle ''Pagine Gialle'' dove si legge a caratteri cubitali le frasi inglesi ''Don't worry'' (''Non ti preoccupare'') e ''Be happy'' (''Sii felice'').

''Mi sembra veramente inopportuno - ha spiegato Aloi - che la pubblicita' pagata con i soldi dello Stato debba contenere termini stranieri e, quindi, comprensibili solo a una ristretta cerchia di persone. Non si tratta di fare dell'isterismo linguistico, ma semplicemente di difendere la nostra identita' linguistica come fanno giustamente le popolazioni a noi vicine, a cominciare dai francesi''.

(Pam/Zn/Adnkronos)