VACANZE: I DIETOLOGI - IN AGGUATO LA SINDROME DELLO YO-YO
VACANZE: I DIETOLOGI - IN AGGUATO LA SINDROME DELLO YO-YO
5KG IN MENO A LUGLIO, 10 IN PIU' A NOVEMBRE

Roma, 12 lug. -(Adnkronos)- Pericolo ''sindrome dello yo-yo'' per le migliaia di italiani che si sono messi a dieta 'ferrea' in questi giorni per le vacanze in spiaggia. Il dimagrimento rapido a fini estetici porta ad una perdita di chili che verranno riacquistati con gli interessi in autunno. L'allerta viene dal professor Michele Carruba, presidente dell'Ansisa, Associazione nazionale degli specialisti in scienza dell'alimentazione.

''Siamo al picco di richieste di dimagrimento rapido e delle diete 'fai da te' -ha spiegato Carruba all'Adnkronos- con l'unica finalita' dell'estetica da spiaggia. Gli italiani, hanno capito che per dimagrire non bisogna mangiare e fanno degli sforzi e dei sacrifici enormi per evitare il cibo: dall'applicazione delle famose diete pubblicizzate dai giornali, irrazionali e sbilanciate, alla riduzione drastica dell'apporto calorico senza un bilanciamento tra i vari nutrienti; fino alle diete farmacologiche dei medici da 7 chili in 7 giorni''.

''Ma quando si riduce al minimo il quantitativo calorico -sottolinea Carruba- il bilanciamento diventa molto piu' importante inoltre e' evidente il pericolo delle diete con effetto Ambra, che riducono gli alimenti al punto che per uno sforzo fisico vengono a mancare gli zuccheri al cervello con conseguente svenimento in spiaggia. Ma soprattutto, tutto questo non serve, perche' al momento si raggiunge lo scopo, poi si innesca la sindrome dello yo-yo che porta dopo poco tempo a perdere massa muscolare magra, quindi quella metabolicamente attiva e a riacquistare massa grassa ritrovandosi piu' grassi di prima. In pratica, se si perdono 5 chili a luglio, se ne possono riacquistare dieci a novembre''.

(Ria/Pn/Adnkronos)