I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

Roma. Sara' una riunione di tutti i leader del Polo della Liberta', convocata per questo pomeriggio alla Camera, a dare una prima risposta alla nuova proposta dell'Ulivo per una fase costituente accompagnata da un governo di garanzia che consenta di scrivere le nuove regole. Ad annunciarlo e' stato lo stesso leader del Polo Silvio Berlusconi. ''Io -ha detto Berlusconi- credo che il dialogo possa ancora continuare ma si tratta di vedere bene ora a quali condizioni: dobbiamo capire meglio che cosa e' possibile fare ancora''.

Roma. Prosegue l'iter parlamentare della riforma delle pensioni. Dopo il primo si' di ieri, oggi sono all'esame della Camera altri due maxiemendamenti: il primo comprende gli articoli dal 12 al 22 ed il secondo quelli dal 23 al 42. Dovrebbe quindi assere questa la giornata decisiva per la riforma. Il voto complessivo sulle pensioni e' infatti atteso entro la mezzanotte; dopo il provvedimento passera' all'esame del Senato. Con ogni probabilita' il voto di Forza Italia sulla fiducia ai due maxi emendamenti del governo sara' una doppia astensione. Lo ha detto lo stesso Berlusconi.

Roma. Accordo raggiunto alla commissione Giustizia della Camera per la custodia cautelare. Dopo un acceso dibattito e dopo che i parlamentari del Ccd Baresi e Tanzilli avevano ritirato la firma in calce alla richiesta di esame in sede redigente c'e' stata una svolta. E' stata accolta infatti la richiesta di esame in sede redigente in commissione, cio' che in un primo tempo non sembrava possibile poiche' mancavano tre firme dello schieramento Progressista. Di fronte alla presa di posizione dei rappresentanti del Ccd, i progressisti hanno deciso di sostituire Arlacchi con la Bonsanti, consentendo cosi' il raggiungimento del quorum necessario per la redigente.

Roma. Slitta a mercoledi' pomeriggio la riunione della Commissione parlamentare per il riordino del settore radiotelevisivo che oggi avrebbe dovuto votare il testo base messo a punto dal relatore Giorgio Bogi. Il rinvio e' stato chiesto dal capogruppo dei deputati di Forza Italia Vittorio Dotti con una lettera alla Presidente della Camera Irene Pivetti. All'ordine del giorni della riunione di mercoledi', sempre l a votazione del testo unificato sulle proposte di legge. (segue)

(Dis/Gs/Adnkronos)