O.J.: NON SOLO SCARPE ITALIANE SULLA SCENA DEL DELITTO
O.J.: NON SOLO SCARPE ITALIANE SULLA SCENA DEL DELITTO

Los Angeles, 24 ago. (Adnkronos) - Le scarpe italiane tornano alla ribalta nel processo contro O.J. Simpson. Alcune delle orme di scarpe trovate sul luogo del delitto e sui vestiti delle vittime non possono essere state lasciate dalle scarpe della ditta italiana ''Bruno Magli'', misura 46, che, secondo gli esperti del Fbi, indossava l'assassino di Nicole Brown e Ronald Goldman. Henry Lee, direttore del Laboratorio di medicina legale del Connecticut, autorevole testimone della difesa, ha spiegato alla giuria del processo del secolo di Los Angeles che alcune macchie trovate sulla gamba destra dei jeans indossati da Ronald Goldman sarebbero, con grande probabilita', orme lasciate da scarpe diverse da quelle italiane che l'accusa aveva descritto come quelle indossate dall'assassino.

La testimonianza di Lee potrebbe aiutare la difesa a dimostrare la presenza di almeno un altro uomo sulla scena del delitto la notte del 12 giugno 19994. Da sempre la difesa dell'ex idolo nero del football americano cerca di provare l'innocenza del suo assistito, dimostrando che le due vittime sono state uccise da un gruppo di malviventi.

(Red/Gs/Adnkronos)