BOSNIA: KARADZIC TRATTENUTO PER 24 ORE DAI GENERALI
BOSNIA: KARADZIC TRATTENUTO PER 24 ORE DAI GENERALI

Belgrado, 26 ago. (Adnkronos/Dpa) - Il leader serbo bosniaco, Radovan Karadzic, sarebbe stato fermato, trattenuto ed interrogato per oltre 24 ore da un gruppo di generali serbo bosniaci. A riferirlo e' stato oggi il quotidiano indipendente serbo ''Nasa Borba'', precisando che ''l'incidente'' risalirebbe al 18 agosto scorso, e sarebbe avvenuto vicino Bijeljina, nella parte nordorientale della Bosnia Erzegovina.

Al ''colloquio informativo'', cosi' lo definisce il quotidiano della capitale serba, avrebbero preso parte il generale Milan Gvero ed altre persone, estranee all'apparato militare serbo bosniaco. Non era presente invece il generale Ratko Mladic, capo delle forze armate serbe di Bosnia. Il 19 agosto scorso, quindi proprio all'indomani dell'episodio di cui riferisce il giornale, era circolata la voce del rovesciamento del leader serbo bosniaco Radovan Karadzic ad opera dal generale Ratko Mladic. Voci di ''golpe'' poi smentite dallo stesso Karadzic, secondo il quale ogni tensione tra leadership civile e militare era stata risolta. ''Le strutture del potere nella repubblica serba - aveva quindi affermato sono solide, malgrado il numero degli avversari sia vasto'' e comprenda ''sfortunatamente anche dei serbi'' (con riferimento a Slobodan Milosevic, presidente serbo, considerato vicino a Ratko Mladic).

(Cin/As/Adnkronos)