IRAQ: ''ASSASSINATO IL PADRE DI AL-MAJID''
IRAQ: ''ASSASSINATO IL PADRE DI AL-MAJID''

Damasco, 26 ago. (Adnkronos/Dpa) - Il regime iracheno avrebbe fatto uccidere il padre del generale Hussein Kamel al-Majid, uno dei due generi di Saddam Hussein fuggiti con le mogli l'otto agosto scorso in Giordania, dove hanno ottenuto asilo politico. L'assassinio del padre di al-Maijd sarebbe avvenuto nell'ospedale di Tikrit, Paese natale del presidente, secondo quanto denunciato a Damasco dal Supremo consiglio della rivoluzione islamica in Iraq (Sairi), l'organizzazione che raggruppa gli sciiti iracheni ostili al regime, che cita fonti mediche definite ''affidabili''. Secondo i dissidenti iracheni, il padre del generale al-Maijd -di cui non e' stato precisato il nome- sarebbe stato assassinato con del veleno aggiunto ad un medicinale che gli era stato prescritto. Il Sairi ha reso noto che anche due generali iracheni, Khaled Windawi e Ibrahim al-Windawi, sarebbero stati uccisi in un falso incidente stradale dai servizi segreti iracheni mentre il comandante della prima divisione della Guardia repubblicana, Kamal Mustapha Takriti, sarebbe stato messo agli arresti domiciliari per ordine di Saddam Hussein.

Sempre secondo il Sairi, il figlio piu' giovane di Saddam Hussein, Qusai, avrebbe ''criticato violentemente'' la condotta del padre e del fratello maggiore, Uday, ritenendo quest'ultimo responsabile della frattura verificatasi in seno alla famiglia del dittatore dopo la fuga in Giordania di al-Majid e del fratello Hussein Kamel Hassan, ex numero due del regime. All'inizio di agosto il Sairi aveva accusato Uday di avere ucciso un fratellastro di Saddam Hussein, Watban al-Takriti, fino al marzo scorso ministro degli Interni dell'Iraq. In seguito Watban al-Takriti risulto' essere stato ''solo'' ferito.

(Stg/Pe/Adnkronos)