BOSNIA: USA, L'EMBARGO DEVE RESTARE
BOSNIA: USA, L'EMBARGO DEVE RESTARE

Honolulu, Hawaii, 2 set. (Adnkronos/Dpa)- L'amministrazione del presidente americano Bill Clinton frena l'ottimismo della comunita' internazionale per l'apertura serba ai colloqui di pace sull'ex Jugoslavia e allo stesso tempo fa sapere di voler chiudere l'argomento sull'embargo alle armi alla Bosnia revocato dal Congresso. Ai giornalisti ad Honolulu, nelle Hawaii, dove il presidente americano si trova per commemorare il 50mo anniversario della fine della guerra col Giappone, il portavoce della Casa Bianca, Mike McCurry, ha detto che ''questo e' quanto di piu' vicino vi e' ad una promessa in buona fede per arrivare a seri negoziati di pace e abbiamo intenzione di incoraggiarli''.

Lo stesso portavoce, riferendosi ai raid della Nato dei giorni scorsi sulle postazioni serbo bosniache, ha dichiarato che ''e' molto importante per noi essere sobri e realistici e non troppo ottimisti riguardo all'andamento dei negoziati''. Da parte sua, il Consigliere per la sicurezza nazionale americano, Anthony Lake, ha detto di sperare che il Congresso cambi idea quanto all'embargo sulle armi alla Bosnia e sostenga il presidente, che il mese scorso aveva posto il veto alla decisione della Camera e del Senato di rimuovere il divieto della vendita di armi al governo a maggioranza musulmana di Sarajevo.

(Nap/Pe/Adnkronos)