MADAGASCAR: UCCISO IMPIEGATO DELL'AMBASCIATA D'ITALIA
MADAGASCAR: UCCISO IMPIEGATO DELL'AMBASCIATA D'ITALIA

Roma, 2 set. -(Adnkronos)- Il ministero degli Affari Esteri informa che il cittadino italiano Giorgio Cappon, impiegato a contratto presso l'ambasciata d'Italia in Madagascar, e' stato ucciso ieri sera da gendarmi locali nei pessi di Antananarivo.

Dalle prime testimonianze raccolte dalla nostra ambasciata, a seguito di un incidente stradale, il signor Cappon avrebbe sparato in aria alcuni colpi di arma da fuoco. I gendarmi, sopravvenuti poco dopo, avrebbero immediatamente aperto il fuoco, uccidendolo.

La gendarmeria malgascia ha avviato un'inchiesta sull'accaduto ed ha posto agli arresti il gendarme coinvolto. L'ambasciatore d'Italia ad Antananarivo e' in contatto con le autorita' locali, alle quali ha chiesto di ottenere i doverosi chiarimenti sul gravissimo incidente ed ha fatto presente che si auspica un comportamento responsabile e limpido nella trattazione del caso.

Il signor Cappon era nato a Piazzola sul Brenta (Padova) nel 1953 ed era coniugato con tre figli. Risiedeva con la famiglia in Magadascar da circa dieci anni. Anche i familiari residenti in Italia sono stati informati dell'accaduto.

(Com/Pn/Adnkronos)