PECHINO '95: ANCHE LE CASALINGHE ALLA CONFERENZA MONDIALE
PECHINO '95: ANCHE LE CASALINGHE ALLA CONFERENZA MONDIALE
UNICA ACCREDITATA COME ONG

Roma, 2 set. -(Adnkronos)- La Federcasalinghe diserta, ma le casalinghe saranno ugualmente rappresentate alla Conferenza Mondiale di Pechino sulla donna. Sara' infatti il Mo.i.ca (movimento italiano casalinghe) a portare a Pechino la voce degli ''angeli del focolare'', ''la fascia piu' ampia e piu' sottovalutata della popolazione''. Tina Leonzi, presidente del Mo.i.ca e dell'Unica (Unione intercontinentale casalinghe) -accreditata alla conferenza come ong dalle Nazioni Unite- sara' infatti da domani nella citta' cinese che ospita l'incontro.

''Alla conferenza -spiega all'Adnkronos Tina Leonzi- chiedero' maggiore attenzione per la fascia piu' ampia di popolazione femminile presente nel mondo e il cui lavoro costituisce la spina dorsale di tutti i sistemi economici e politici del pianeta. Il lavoro della casalinga ha un valore non solo sociale ma anche economico -aggiunge- circa il 40 per cento del Pil di ogni nazione europea''. Nel documento preparato si chiede, tra l'altro, il riconoscimento giuridico del lavoro familiare, il diritto alla maternita', alla scelta di educare in prima persona i propri figli e ad assistere gli anziani della propria famiglia. Si chiede poi il diritto alla formazione permanente, la copertura in caso di incidente domestico, un trattamento pensionistico equo e rapportato alla valenza anche economica che questo lavoro ha. ''La delegazione italiana -ha spiegato ancora la Leonzi, che ha espresso rammarico per la mancanza di una rappresentante italiana nella delegazione vaticana- portera' un messaggio di conciliazione delle 'due vite' delle donne che lavorano anche fuori casa''. (Ste/Pn/Adnkonos)

null