PECHINO '95: CASELLATI CONTRO LA AGNELLI
PECHINO '95: CASELLATI CONTRO LA AGNELLI

Roma, 2 set. -(Adnkronos)- Alla vigilia della Conferenza mondiale dell'Onu sulle donne a Pechino, i primi segnali di tensione emergono tra le delegazioni governativa e parlamentare italiane. In un comunicato diffuso oggi, l'osservatore per il Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente della commissione Igiene e Sanita' del Senato, ha lanciato una dura critica, da Pechino, al ministro degli Esteri Susanna Agnelli. ''Francamente mi aspettavo di piu' dal nostro governo, presente a Pechino con Susanna Agnelli, un ministro degli Esteri non proprio francamente rappresentativo nel settore della politica per la donna'', dichiara nel comunicato la Casellati, accusando la Agnelli di aver sostanzialmente ''snobbato'' fino all'ultimo il Parlamento. Il capo della diplomazia italiana arrivera' lunedi' 4 settembre a Pechino, per partecipare alla cerimonia di apertura della Conferenza, intervenire alla sessione plenaria del 5 settembre e ripartire la sera stessa per Mosca.

''Non ci ha fatto avere neanche il documento che leggera' -continua la Casellati- rischiando di far apparire la sua posizione come la posizione di tutte le forze, non solo politiche ma anche culturali, sociali e produttive del Paese''. La senatrice esprime inoltre perplessita' sull'organizzazione del viaggio: ''Da una parte il governo si presenta alla politica interna del Paese con il volto del gran razionalizzatore economico, e dall'altra invia a Pechino una compagine mal preparata, senza una linea guida preliminarmente discussa con il Parlamento, con il rischio di andare a Pechino spendendo soldi del contribuente senza ottenere risultati concreti''.

(Red/Pn/Adnkronos)