VIETNAM: 50 ANNI FA L'INDIPENDENZA (3)
VIETNAM: 50 ANNI FA L'INDIPENDENZA (3)

(Adnkronos)- Il 2 settembre 1945, esattamente due settimane dopo la capitolazione del Giappone, i Viet Minh entrarono ad Hanoi ed Ho Chi Min, proclamando l'indipendenza del Vietnam dalla Francia, instauro' un governo che doveva sostituire quello dell'imperatore Bao Dai. Cominciava cosi', con l'invio da Parigi di ingenti truppe, la ''guerra dei trent'anni'' nel sudest asiatico. La disfatta dell'esercito coloniale francese fu totale e simbolicamente riassunta nella famosa battaglia di Dien Bien Phu, vallata al confine con il Laos e roccaforte francese: quando la legione straniera innalzo', il 7 maggio del 1954, bandiera bianca, sul campo erano rimasti oltre tremila soldati francesi. Con la conclusione nel luglio del 1954 della Conferenza di Ginevra, cominciata poco prima della caduta di Dien Bien Phu, venne sancita, lungo la linea del 17mo parallelo, la divisione del Vietnam in due stati indipendenti, uno a nord guidato da Ho Chi Minh e l'altro dal cattolico Ngo Dinh Diem. Anche il sudest asiatico si era cosi' convertito alle ragioni della Guerra Fredda.

Nel 1961, convinto della necessita' di riunire il Vietnam in un unico stato, Ho Chi Minh incoraggio' la nascita nel sud del Fronte di Liberazione Nazionale (Viet Cong), che avrebbe avuto il compito di contrastare ed abbattere il regime corrotto di Ngo Dinh Diem, sostenuto dagli Stati Uniti. Dopo la vittoria di Mao Tse Tung nel 1949 in Cina contro i nazionalisti di Chiang Kai-shek, la massima priorita' per Washington era diventata quella di erigere a Saigon un ''bastione contro l'espansione del comunismo in Asia''. Comincio' quindi l'invio di personale specializzato, di consiglieri militari, di agenti della Cia e di materiale bellico per milioni di dollari. (segue)

(Neb/Pe/Adnkronos)