UE: PIU' EXTRACOMUNITARI CHE NATI
UE: PIU' EXTRACOMUNITARI CHE NATI

Lussemburgo, 18 set. (Adnkronos)- Nell'Unione Europea il numero dei nuovi arrivi extracomunitari e' piu' che doppio rispetto a quello delle nascite annuali. Il rapporto tra l'aumento della popolazione europea e l'entita' del flusso migratorio verso i Quindici rilevato dall'Eurostat segnala che nel 1994 e' stato registrato l'ingresso di 700mila extracomunitari, contro 300mila nascite nell'Ue. E l'Italia e' ancora una volta ultima in Europa in quanto al tasso di fertilita', secondo quanto rilevato dall'ufficio statistico dell'Unione Europea con sede a Lussemburgo. Nel 1994 il nostro Paese ha fatto registrare nuovamente il tasso di natalita' piu' basso fra i Quindici, attestandosi all'1,19 per donna, ben al di sotto della media europea dell'1,45. A sorpresa, superano la media i Paesi nordici, in testa la Svezia con l'1,89, seguita dall'Irlanda -che negli anni Ottanta era stato il Paese dell'Ue con il piu' alto tasso di fertilita' - con l'1,86.

I dati diffusi oggi da Eurostat danno conto anche del tasso di mortalita', dei matrimoni e dei divorzi. Guidano la prima classifica il Portogallo e la Grecia, rispettivamente con tassi dell'8,8 e dell'8,3 per mille, mentre agli ultimi posti si trovano Svezia (4,9 per cento) e Finlandia (4,7). E mentre il dato sui divorzi non e' completo perche' rilevato solo su nove Paesi -l'Italia e' comunque ultima in classifica con lo 0,4 per mille - quello sui matrimoni rivela che essi sono in netto calo in Olanda (-5,4 per mille), ma anche in Svezia (-3,9), Francia (4,4) e Finlandia (4,9).

(Red/Pe/Adnkronos)