USA: ORA C'E' LA RAPINA A CANE ARMATO
USA: ORA C'E' LA RAPINA A CANE ARMATO

Washington, 18 set. -(Adnkronos)- ''Dammi i soldi o sguinzaglio il cane''. Sempre piu' spesso a Washington, invece di essere minacciate da una pistola o da un coltello, le vittime di violenze o furti devono vedersela con feroci cani pitt bull o rottweiler, ormai diventati uno ''status symbol'' della mala. L'allarme lo lancia il ''Washington Post'' raccontando vari episodi, dall'uomo rapinato e poi comunque azzannato all'uscita da un ristorante, fino al pitt bull trovato di guardia ad una partita di armi e droga nascosta in un appartamento.

I feroci animali, denuncia il quotidiano, vengono anche usati dai membri delle gang giovanili: piu' e' cattivo il cane, piu' ''macho'' appare il proprietario che lo puo' lanciare all'attacco contro i suoi rivali. E cosi' ai pitt bull non viene quasi dato da mangiare per renderli piu' aggressivi, mentre qualcuno si spinge anche a mescolare polvere da sparo alla pappa per procurare ai cani un'acidita' di stomaco permanente che non ne migliora certo il carattere.

''Dobbiamo imparare a considerare questi cani come una nuova arma in mano ai malviventi'', commenta il capitano di polizia Greg Thomas. Rosemary Vozobule, direttore della Humane Society di Washington, che svolge compiti di protezione degli animali, afferma di ricevere almeno tre telefonate al giorno relative a violenze commesse da pitt bull e rottweilers.

(Civ/Pn/Adnkronos)