SCALFARO: E' COLLETTI LO ''PSEUDO-COSTITUZIONALISTA''?
SCALFARO: E' COLLETTI LO ''PSEUDO-COSTITUZIONALISTA''?

Roma, 18 set. (Adnkronos) - Potrebbe essere Lucio Colletti lo ''pseudo-costituzionalista'' cui ha alluso Oscar Luigi Scalfaro nel suo intervento ad Omegna? Secondo fonti bene informate - apprende l'Adnkronos - quando il presidente della Repubblica ha voluto contestare quei politologi che hanno parlato di sospensione della democrazia con la nascita del governo Dini si sarebbe riferito in primo luogo proprio all'editorialista del ''Corriere della sera''. Il noto filosofo ha criticato l'operato di Scalfaro con un articolo in prima pagina il 10 settembre, intitolato ''Il Quirinale in difesa della prima Repubblica. L'argine di Scalfaro''.

Piu' volte Colletti ha denunciato il tentativo di Scalfaro di mandare avanti a tutti i costi la legislatura e fra tutti i commentatori e' stato quello piu' deciso nei toni, anche dell'ex ambasciatore Sergio Romano e del filosofo Marcello Pera. A luglio aveva parlato del presidente della Repubblica che ''sotto le parvenze del notaio della Costituzione, in realta' agiva come il capo dell'esecutivo''.

Colletti non e' stato sorpreso dalla reazione di Scalfaro. Intervistato dall'Adnkronos a Montecarlo, dove partecipa con Gianfranco Miglio ad un dibattito organizzato nell'ambito della convention di Publitalia, l'intellettuale ha detto: ''Il presidente ha assolutamente ragione, perche' io insegno filosofia teorica all'universita' di Roma e non diritto costituzionale. Nei suoi confronti non ho nessuna prevenzione personale e le mie critiche sono fatte in assoluta buona fede. In ogni caso ribadisco che il capo dello Stato va trattato con tutto il rispetto che si deve a cio' che egli rappresenta''.

(Pam/Pe/Adnkronos)