BAGLIONI: ''ANONIMO ITALIANO? GROTTESCO''
BAGLIONI: ''ANONIMO ITALIANO? GROTTESCO''

Roma, 26 set. -(Adnkronos)- ''Come vuoi definire uno che va in giro con una mascherina di domopak in faccia? A voler essere buoni, e' un'operazione grottesca''. Claudio Baglioni spara a zero sul suo ''clone'' Anonimo Italiano. Il musicista romano, che gia' due mesi fa aveva inviato un atto di diffida ad Anonimo, spara a zero contro il cantante che, sfruttando la somiglianza della voce, ha venduto centinaia di migliaia di copie con canzoni costruite in stile ''vecchio Baglioni''. ''Io questo ragazzo l'ho visto solo in televisione -spiega Claudio nel corso della conferenza stampa di presentazione del suo nuovo album 'Io sono qui'- quando e' stato intervistato con quella mascherina: io mi metto nei panni dei giornalisti che sono stati costretti a fare questa sceneggiata, facendo domande a uno che si copriva la faccia''.

Baglioni non usa mezzi termini: ''Qualcuno -spiega- ha parlato di un'operazione divertente. Ma e' stato divertente finche' la gente, i miei amici, non mi hanno fermato per strada chiedendomi se io ero Anonimo Italiano; e non mi sembra neanche troppo divertente vedere una persona cosi' manipolata dalle case discografiche: non credo che questo genere di cose faccia molto bene alla musica. E poi, non dimentichiamo che con questa storia della somiglianza lui ci ha fatto i milioni''.

L'autore di ''Sabato pomeriggio'' cerca di sdrammatizzare, ma alla fine lancia un'altra stilettata ad Anonimo: ''E' andato in tv a dire che in fondo io non avrei dovuto arrabbiarmi perche' mi stava facendo pubblicita' -spiega Baglioni- Be', dopo 26 anni di carriera, non credo proprio di aver bisogno della sua pubblicita'. E sarebbe bene che lui avesse un po' piu' di decoro quando dice certe cose. Cosi' rischiamo davvero di cadere nel grottesco''.

(Mag/Pn/Adnkronos)