I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Gerusalemme. Le autorita' israeliane hanno iniziato la liberazione di mille prigionieri palestinesi maschi, aprendo stamattina le porte del carcere centrale della cisgiordania per 50 detenuti per reati comuni. Tutti hanno firmato un impegno a sostenere il processo di pace e ad astenersi da azioni criminali. In giornata verranno consegnati ai palestinesi i primi uffici pubblici della Cisgiordania, la localita' prescelta e' il villaggio di Salphit. Secondo fonti di Gaza pero' molti dei 950 carcerati in attesa di uscire sarebbero intenzionati a rimanere nelle celle per solidarieta' con le quattro donne palestinesi che lo stato israeliano si rifiuta di liberare perche' coinvolte in omicidi di ebrei.

Sarajevo. Si continua ancora a combattere in Bosnia dopo il rinvio della tregua che sarebbe dovuta scattare a mezzanotte: secondo la radio bosniaca nella notte si sono registrati forti scontri nei pressi delle citta' di Kljuc, Bosanska Krupa e Sanski Most, nella parte occidentale del paese.

Los Angeles. O.J. fara' la sua prima apparizione televisiva da uomo libero senza chiedere alcun compenso. Sara' il network televisivo Nbc a trasmettere domani una prima lunga intervista dell'ex campione di football, a una settimana dal clamoroso verdetto della giuria di Los Angeles che lo ha assolto dall'accusa di aver ucciso l'ex moglie Nicole Brown e Ronald Goldman. ''Simpson non ha chiesto neanche un centesimo per questa apparizione'', hanno dichiarato i funzionari dell'emittente.

Parigi. Caos a Parigi per lo sciopero di 24 ore dei servizi pubblici che ha bloccato la metropolitana e la maggior parte di treni per i pendolari: lungo le strade di accesso alla capitale francese si registrano code lunghe una quindicina di chilometri. Forti disagi si registrano anche in altre parti della Francia, con la cancellazione della maggior parte dei treni. Allo sciopero si sono giunti anche i controllori di volo provocando la paralisi degli aeroporti. La maggior parte delle scuole sono chiuse e gli ospedali offrono soltanto le cure di emergenza. I cinque milioni di dipendenti del servizio pubblico protestano contro il blocco degli stipendi pubblici deciso dal governo Juppe'.

Stoccolma. E' stato l'americano Robert E. Lucas Jr. ad aggiudicarsi il premio Nobel per l'Economia 1995. L'annuncio e' stato dato a Stoccolma. Il Nobel per l'economia -che quest'anno porta in dotazione la somma di 7,2 milioni di corone (oltre 1600 miliardi di lire)- venne assegnato lo scorso anno agli scienziati americani John F. Nash e John C. Harsanyi (quest'ultimo di origine ungherese) ed al tedesco Reinhard Selten. Domani e' atteso l'annuncio dell'assegnazione dei Premi Nobel per la Fisica e la Chimica e il 13 di quello per la Pace.

Citta' del Messico. Non ci sono italiani tra le vittime della scossa di terremoto di 7,5 gradi della scala Richter che ha colpito le due citta' messicane di Colima e Jalisco. E' intanto ancora incerto il numero dei morti: secondo la protezione civile messicana sarebbero 60, mentre a quanto riferiscono Carlos de la Madrid e Alberto Cardenas, rispettivamente governatori di Colima e Jalisco, sarebbero 34 le vittime e oltre 50 i feriti. (segue)

(Dis/Zn/Adnkronos)