TEATRO: ''STA AFFOGANDO, DIAMOGLI UNA LEGGE''
TEATRO: ''STA AFFOGANDO, DIAMOGLI UNA LEGGE''
PRESENTATA LA PROPOSTA DI AN

Roma, 10 ott. - (Adnkronos) - Il teatro italiano passa dai lamenti alle iniziative legislative. La proposta di legge di An in materia di prosa e di lirica, presentata stamane al Piccolo Eliseo dal presidente di Alleanza nazionale Gianfranco Fini e dal primo firmatario del progetto, Guglielmo Rositani, va ad aggiungersi a quelle messe a punto per l'Agis dall'associazione teatri pubblici e dai comitati di coordinamento prosa (privati), ufficializzate alla recente convention di Parma. Ed entrambe le iniziative sono state in qualche modo 'benedette' da Mario D'Addio, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega per i problemi dello spettacolo.

''Entro la fine di novembre, il testo predisposto dal governo sara' esaminato dalle commissioni di Camera e Senato, che dovranno pronunciarsi soprattutto sulla delicata questione delle competenze fra Stato e Regioni (nate dopo la soppressione del ministero per il Turismo, lo sport e lo spettacolo, decisa dal referendum). Subito dopo potranno essere varati i decreti delegati per la riforma degli enti lirici e per la prosa. E' una grande occasione da cogliere'', ha sostenuto D'Addio, augurandosi anche che in Parlamento si possa raggiungere ''una comunanza d'intenti'', anche attraverso la redazione di un testo unico da presentare all'approvazione dell'Aula.

''Siamo apertissimi a qualunque contributo che sia in linea con l'esigenza di difendere il teatro inteso come arte e come patrimonio culturale nazionale -ha dichiarato Rositani- A patto che si acceleri l'iter parlamentare e non si ricorra a pretesti per affondare una legge che attende da ben cinquant'anni di essere varata dal Parlamento. E le forze interessate al mantenimento dello status quo non sono certo poche''. (segue)

(Bon/Zn/Adnkronos)