LIRICA: MEOMARTINI (FIS-CISL) - COSA CHIEDIAMO PER FIRMARE
LIRICA: MEOMARTINI (FIS-CISL) - COSA CHIEDIAMO PER FIRMARE
(RIF. 148)

Roma, 2 ott. (Adnkronos) - ''Il contratto deve essere firmato rapidamente: Se esistono gli spiragli per introdurre le innovazioni che chiediamo e se il governo concedera' i finanziamenti la volonta' sindacale certo non manca''. Sergio Meomartini, segretario nazionale della Fis Cisl, impegnato nelle trattative per il rinnovo del contratto dei lavoratori degli enti lirici, spiega le rivendicazioni su cui i sindacati confederali stanno giocando la partita in questi giorni.

''La prima cosa che chiediamo e' una celere definizione delle piante organiche dei teatri ed all'interno di questo siamo disponibili ad individuare una fascia di personale a tempo determinato. Il secondo punto -spiega Meomartini- e' la modifica della struttura del salario, come viene stabilito dall'accordo del luglio 1993 e quindi una riduzione degli scatti, che pero' deve essere approvata dalla base''.

Terzo tema e' la flessibilita' dell'orario di lavoro: ''nel contratto nazionale vogliamo che vengano fissati degli orientamenti quadro e non norme precise da fissare invece nella contrattazione integrativa, all'interno degli enti lirici che hanno tempi e modi di produzione diversi''.

Ma su tutto pende la spada di Damocle dei finanziamenti governativi: ''siamo tutti in attesa -conclude Meomartini- della copertura finanziaria per l'accordo''.

(Gic/Gs/Adnkronos)