BANCHE: DINI-ROMITI, ACCELERARE PRIVATIZZAZIONE (4)
BANCHE: DINI-ROMITI, ACCELERARE PRIVATIZZAZIONE (4)

(Adnkronos)- Sulla stessa linea di Dini anche l'amministratore delegato della Fiat, Cesare Romiti, che al convegno di Bologna ha spiegato che ''veniamo da oltre cinquanta anni di separazione tra banca e impresa e di connotazione del sistema bancario come sistema pubblico. E' solo da pochissimo tempo che si e' cominciato a ridurre le distanze, soprattutto per le pressioni che in questo senso ci sono venute dall'Europa''.

''Anche per quel che riguarda la proprieta' -ha detto Romiti- l'avvio delle privatizzazioni e' un atto molto recente, dunque ci troviamo in una fase cruciale di passaggio. Una fase che presenta ancora aspetti molto problematici. Infatti, c'e', sospesa, la questione delle fondazioni e della privatizzazione delle loro partecipazioni nelle aziende di credito. Se guardiamo, infatti, ai risultati concreti della direttiva del ministero del Tesoro dello scorso anno, che avrebbe dovuto spingere le fondazioni a cedere la maggioranza dei pacchetti azionari in loro possesso - ha polemizzato Romiti - i risultati sono stati deludenti''.

''A cio' si aggiunga -ha proseguito il numero due della Fiat- che la privatizzazione del sistema e' ancora piuttosto indietro. Sono ancora in molti a pensare che lasciare la proprieta' delle banche in mano pubblica sia preferibile per dare sicurezza al risparmio. E mi chiedo se Bankitalia ne e' davvero convinta, e al tempo stesso se la maggioranza del Parlamento e' convinta di cio', o meno. E cioe' se bisogna proseguire, apertamente, sulla strada della privatizzazione oppure no''. (segue)

(Dac/As/Adnkronos)