SGARBI-MAIOLO: CORBELLI DENUNCIA LA DDA DI CATANZARO
SGARBI-MAIOLO: CORBELLI DENUNCIA LA DDA DI CATANZARO

Roma, 4 nov. (Adnkronos) - Il portavoce di Vittorio Sgarbi e leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, attacca duramente la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro (''hanno calpestato e ferito mortalmente la giustizia'') e preannuncia contro i magistrati catanzaresi una denuncia alla magistratura ordinaria, al ministro di Grazia e Giustizia e al Csm.

''Devono essere rimossi dai loro incarichi. Chi ha attentato al Parlamento e alle sue prerogative, chi ha calpestato la civilta' giuridica di questo Paese deve essere mandato via. Chiederemo una immediata ispezione presso la Procura distrettuale di Catanzaro'', afferma Corbelli. Il portavoce di Sgarbi ha avanzato un sospetto inquietante: ''hanno aspettato che iniziasse praticamente la campagna elettorale e venisse cacciato il ministro Mancuso per mandare gli avvisi di garanzia a Sgarbi e alla Maiolo, che io -prosegue Corbelli- sapevo da mesi. Venerdi' 29 settembre e venerdi' 7 ottobre infatti, come e' documentabile, con un comunicato proprio alla Adnkronos, denunciavo di una citta' in balia di un pentito e di avvisi di garanzia pronti per importanti politici nazionali del Polo''.

Corbelli ha quindi criticato il direttore del Tg5 (''sempre loquace e pronto a sparare editoriali, ieri sera dove era? Ha solo -prosegue Corbelli- censurato il mio intervento rilasciato ad un suo inviato attribuendo in modo scorretto a Sgarbi dichiarazioni che invece erano mie'') ed elogiato il Tg3 di Moretti, il Tg3 Calabria (''corretti''), l'edicola di Onofrio Pirrotta e Giancesare Flesca (''vero esempio, in questa occasione, di garantismo''), apprezzato il Manifesto e tutti quei mezzi di informazione e parlamentari (Paissan, Verdi, Grimaldi, Rifondazione comunista, Cesare Salvi, Pds) che hanno preso le distanze e criticato l'assurda e aberrante iniziativa della Dda di Catanzaro.

(Com/Gs/Adnkronos)