SICUREZZA: DA MODENA PARTE ''CITTA' SICURE''
SICUREZZA: DA MODENA PARTE ''CITTA' SICURE''

Roma 4 dic. - (Adnkronos) - Modena e' il primo laboratorio di sperimentazione in Emilia Romagna del progetto regionale ''Citta' sicure''. L'annuncio e' stato dato oggi, nel corso dell'iniziativa ''La sicurezza e la vivibilita' della citta''', voluta dall'Amministrazione comunale in collaborazione con la Regione. ''Se la domanda di sicurezza e' in crescita e se cio' riflette preoccupazioni soggettive, ma anche il mutamento dei dati oggetti -ha detto il presidente della Regione Emilia Romagna Pier Luigi Bersani- occorre parlarne meno per sentito dire e avrete una conoscenza della realta' molto piu' puntuale e, perio', utile''.

Modena ha dunque costituito un Osservatorio, del cui comitato scientifico fanno parte dirigenti comunali, un funzionario della Prefettura, il comandante dei Vigili Urbani, due esperti, Tullio Aymone e Antonio Roversi, componenti del gruppo regionale ''Citta' sicure'' e docenti all'Universita' di Modena. Ogni anno, analogamente a quanto avviene a livello regionale, si terra' un momento di valutazione e sintesi del problema sicurezza in citta', per mettere a fuoco i problemi emergenti, per definire le risposte piu' adatte, per valutare, in un arco di tempo adeguato, i risultati degli interventi amministrativi.

Da questo punto di vista, la realta' modenese puo' gia' contare sui buoni risultati dell'iniziativa dei vigili di quartiere, che ha funzionato anche come primo strumento di conoscenza dei problemi urbani. ''Era necessario inaugurare nuove linee di intervento sul fronte della sicurezza, per quanto riguarda il ruolo degli enti locali -ha detto il presidente Bersani- poiche', come la riflessione regionale propone e l'esperienza modenese dimostra, la vivibilita' delle citta' esige, innanzitutto, azioni di cura e di pronto intervento sui microproblemi urbani''. Bersani, che ha voluto sottolineare l'importanza della sperimentazione modenese anche perche' si basa sulla definizione di obiettivi comuni, ha inteso valorizare le azioni locali come ''risposte concrete, ma che hanno un valore che va al di la' delle mura cittadine o dei confini regionali''.

(Com/Zn/Adnkronos)