CASO MANCUSO: DOMANI ALLA CONSULTA L'ULTIMO ATTO (2)
CASO MANCUSO: DOMANI ALLA CONSULTA L'ULTIMO ATTO (2)

(Adnkronos) - Seguiranno le arringhe dei difensori di Mancuso, cioe' gli avvocati Fabrizio Salberini, Donella Resta e Franco Scoca, ai quali cercheranno di dimostrare che l'allontamanento dell'ex ministro della Giustizia e' stato un atto illegittimo: a loro parere infatti un ministro non puo' essere sfiduciato senza che cada l'intero governo.

Sara' poi la volta dei difensori del Senato, che dovranno replicare alle accuse di Mancuso. Palazzo Madama si e' costituito in giudizio affidandosi a due noti avvocati ed ex ministri, Paolo Barile e Giuseppe Guarino, i quali spiegheranno che l'Alta Camera ha il potere di approvare una mozione di sfiducia individuale nei confronti di un ministro, atto che per lo sfiduciato comporta le dimissioni, per cui chi non osserva questo dovere giuridico deve essere sostituito. Barile e Guarino chiederanno di respingere i due ricorsi per infondatezza e inammissibilita': infondati perche' la mozione di sfiducia e' ''un atto politico e quindi non sindacabile'' e inammissibili perche' presentati quando ormai Mancuso era privo di ogni legittimazione.

Successivamente parleranno gli avvocati Feliciano Benvenuti e Giuseppe Abbamonti, decani del diritto amministrativo, chiamati dalla Camera dei deputati (dopo che era stata autorizzata dalla Corte costituzionale a costituirsi in giudizio) a difendere il principio della mozione individuale. L'udienza si concludera' con l'intervento dell'Avvocatura generale dello Stato, nella persona del suo capo Giorgio Zagari, che difende Oscar Luigi Scalfaro e Lamberto Dini. Zagari chiedera' che i due ricorsi siano dichiarati infondati.

(Pam/Pe/Adnkronos)