CLIMA: WWF A GOVERNO ITALIANO, EUROPA PASSI AD AZIONI
CLIMA: WWF A GOVERNO ITALIANO, EUROPA PASSI AD AZIONI

Roma, 15 dic. - (Adnkronos) - I dati ci sono, e' arrivato il momento che l'Europa si impegni ''per tradurli in una azione politica incisiva''. A poche ore dalla fine dei lavori della conferenza organizzativa dell'Onu sui cambiamenti climatici (Ipcc), in corso a Roma, il WWF internazionale rivolge un appello al governo italiano impegnandolo ad assumere iniziative ''concrete'' soprattutto in vista della presidenza dell'Unione Europea. ''Sei chili di prove scientifiche dicono che l'umanita' sta cambiando il clima della Terra, che i paesi industrializzati ne sono i maggiori responsabili e che e' necessario ed economicamente fattibile adottare misure per contenere il mutamento entro limiti sostenibili'', ha esordito Merylyn Hedger, capo della delegazione dell'associazione ambientalista, mostrando il voluminoso pacco dei documenti scaturiti dai lavori dell'Ipcc.

''Il rapporto prodotto dai maggiori scienziati ed esperti di clima riuniti dalle Nazioni Unite e' stato accettato dai governi -ha aggiunto- e questo e' il risultato piu' importante della conferenza di Roma. Una realta' che non puo' essere nascosta o minimizzata da una sintesi prodotta per i politici dai politici stessi e largamente influenzata dagli interessi dei produttori di petrolio''.

Ora il WWF guarda soprattutto all'Europa per tradurre la scienza in azioni di prevenzione dei mutamenti climatici. ''L'Europa -ha detto Andrew Kerr, responsabile della campagna europea sul clima dell'associazione- deve mantenere la leadership fin qui avuta nel negoziato internazionale per arrivare a fare approvare un protocollo alla Convenzione quadro sul clima col quale i paesi industrializzati prendano impegni vincolanti per ridurre le emissioni di anidride carbonica di almeno il 20 per cento entro il 2005, rispetto ai livelli del '90, e sviluppare un piano efficace per ridurre le proprie emissioni''. (segue)

(Arc/Zn/Adnkronos)