MINISTRI: I PIU' RICCHI DEL PALAZZO
MINISTRI: I PIU' RICCHI DEL PALAZZO
PRIMO GAMBINO, SECONDO FANTOZZI

Roma, 15 dic. (Adnkronos)- Gambino, Fantozzi, Agnelli, Cardia. Sono i ministri ''d'oro'' del governo Dini, quelli che denunciano redditi miliardari. Dopo di loro, nella classifica dei guadagni, viene il presidente Lamberto Dini che denuncia poco meno di un miliardo di reddito imponibile. Le cifre, rese note dall'anagrafe patrimoniale del Senato, si riferiscono al 1993.

Il primo della lista e' il ministro delle Poste, il professor Agostino Gambino, titolare di un affermato studio legale e docente universitario, che ha dichiarato un imponibile di due miliardi 519 milioni di cui la meta', un miliardo 253 milioni, versati all'erario. Segue il ministro delle Finanze Augusto Fantozzi, professionista delle dichiarazioni dei redditi (e' docente di diritto tributario) e titolare di uno studio legale, che ha denunciato un reddito imponibile di due miliardi 382 milioni (di cui 84 milioni da dividendi azionari) e ha versato nelle casse del fisco un miliardo 182 milioni, dopo aver detratto circa 3 milioni per moglie e figli a carico e altre voci.

Il ministro degli Esteri Susanna Agnelli ha invece dichiarato un imponibile di un miliardo 340 milioni, ma circa un terzo (432 milioni) deriva da dividendi, mentre le imposte versate sono ammontate a 653 milioni. Al quarto posto c'e' il sottosegretario alla presidenza del consiglio Lamberto Cardia, che all'attivita' di magistrato della Corte dei Conti e di docente alla Luiss e all'universita' dell'Aquila somma consulenze verso enti e societa', per un imponibile di un miliardo 172 milioni. Subito dopo troviamo il presidente in persona, Lamberto Dini, all'epoca ancora dipendente della Banca d'Italia, che ha dichiarato un imponibile di 928 milioni e un'imposta di 443 milioni da cui ha detratto 91.000 lire per la figlia a carico. (segue)

(Lio/As/Adnkronos)