CECENIA: PROCESSO DI PACE ''SULL'ORLO DEL COLLASSO''
CECENIA: PROCESSO DI PACE ''SULL'ORLO DEL COLLASSO''

Mosca/Grozny, 15 dic. (Adnkronos/Dpa)- Gli attacchi lanciati nelle ultime ore dai separatisti ceceni hanno ''portato sull'orlo del collasso'' il processo di pace nella repubblica caucasica: e' l'allarme lanciato oggi dal governo ceceno filorusso, citato dall'agenzia di stampa russa Interfax, secondo cui si contano ormai a decine i morti ed i feriti degli agguati a Gudermes, Urus-Martan, Shatoi and Novye Atagi. Nel secondo giorno di elezioni in Cecenia -anticipate di tre giorni rispetto alla data stabilita per motivi di sicurezza- la situazione resta esplosiva: fonti militari russe hanno messo in guardia le truppe federali da nuovi attacchi dei mujahidin del presidente ''ribelle'' Giokhar Dudayev. In particolare si temono attacchi a Grozny, considerato che i separatisti sono ormai giunti a pochi chilometri dalla capitale. Stamattina i ribelli hanno infatti occupato numerosi edifici di Urus-Martan, 20 chilometri a sudovest di Grozny, bloccando la strada che collega la citta' alla capitale.

Ieri, un commando di 30 o 40 mujahidin aveva occupato l'ospedale di Gudermes, mentre, fuori, circa 600 guerriglieri avevano ingaggiato una violenta battaglia con le truppe federali che aveva provocato 22 morti, 41 feriti e 30 dispersi tra i russi. Il governo russo aveva disposto quindi l'immediato invio di altri soldati nella citta', la seconda dopo Grozny, dove restano ancora interrotte le linee telefoniche ed elettriche. (segue)

(Nap/Pe/Adnkronos)