FINANZIARIA: D'ALEMA, HA VINTO IL BUON SENSO
FINANZIARIA: D'ALEMA, HA VINTO IL BUON SENSO

Roma, 15 dic. (Adnkronos) - Nell'attesa di lunedi' Massimo D'Alema tira le somme di un'intera giornata di dibattito e di votazioni sulla fiducia presentata dal governo sulla finanziaria. E l'atteggiamento del Polo, ripete il leader del Pds di fronte alle telecamere, e' ''abbastanza sconcertante. Come succede spesso nelle iniziative della destra che, pur disponendo sulla carta di una maggioranza per abbattere il governo, tuttavia non ci riesce. Fanno l'impressione di chi dichiara la guerra e lascia l'esercito a casa. Dal punto di vista degli interessi del Paese e' andata meglio cosi'. Non c'e' dubbio che la caduta della legge finanziaria e di conseguenza del governo, avrebbe avuto contraccolpi molto gravi sull'economia''.

''E' un atto totalmente incomprensibile dato che -aggiunge D'Alema- il presidente del Consiglio, di qui a pochi giorni, rassegnera' il suo mandato. Sarebbe quindi stato un atto contro gli interessi del Paese''. E lunedi'? ''Spero che vada come in tutte le battaglie del Polo, cioe' che la perdano. C'e' un buon senso nelle assenze che compensa la durezza di certe battaglie che vengono proclamate. Sono battaglie contro il Paese e non vedo a chi giovino''. Il voto di oggi non modifica il percorso gia' immaginato per l'annunciata verifica. Il governo si dimettera' dopo l'approvazione della finanziaria -torna a ripetere il segretario pidiessino- percio' nei prossimi giorni ci sara' quel confronto politico dal quale o nascera' un accordo per un nuovo governo o si andra' alle elezioni. Non credo che i due voti di oggi incidano sui tempi del governo Dini. Oggi abbiamo ottenuto solo la dimostrazione che il buon senso ha prevalso sull'estremismo e sulla faziosita'''. (segue)

(Ruf/Pe/Adnkronos)