ULIVO: BORDON, AD NON SARA' MAI PARTITINO A SE'
ULIVO: BORDON, AD NON SARA' MAI PARTITINO A SE'
SERVE COSTITUENTE FORZE DIVERSE DA PDS E PPI -

Roma, 15 dic. -(Adnkronos)- ''Chiedero' di non permettere che quello che fu un grande progetto si riduca a diventare l'ennesimo piccolo partitino. Se quest'ultimo approdo non dovessimo raggiungere in tempi brevissimi, a tutti noi rimarrebbe un'unica soluzione: aiutare il disboscamento, eliminando almeno uno dei tanti cespugli che rendono impraticabile l'albero della democrazia italiana''.

Il coordinatore di Alleanza Democratica Willer Bordon, alla vigilia della direzione straordinaria del partito convocata martedi' alla presenza di Romano Prodi, annuncia che il suo movimento si fara' promotore di un ''processo costituente'' che ''apra le sue porte a tutti coloro che nell'Ulivo si sentono di essere portatori delle tradizioni della sinistra riformista, laica e liberalsocialista''.

''Se fino ad ora abbiamo mantenuto una nostra posizione -scrive Bordon in un articolo a 'la Repubblica' in risposta alle osservazioni di Nicola Tranfaglia- lo abbiamo fatto perche' ritenevamo necessario impedire che l'Ulivo venisse rappresentato unicamente come unione fra Ppi e Pds. Qualche errore di conduzione anche grave ha spesso prodotto l'impressione che cosi' fosse, a partire dal fatto che accanto a Prodi e Veltroni a rappresentare le diverse anime dell'Ulivo, non siede anche un rappresentante di queste nostre tradizioni''.

(Pol/Pn/Adnkronos)