RAIUNO: ''MOSE''' IN PRIMA MONDIALE LUNEDI' E MERCOLEDI' (2)
RAIUNO: ''MOSE''' IN PRIMA MONDIALE LUNEDI' E MERCOLEDI' (2)

(Adnkronos) - ''Credo che la Bibbia possa rappresentare l'esempio piu' concreto di programma di qualita', che non e' necessariamenti un prodotto per pochi -ha spiegato il vicedirettore di Raiuno, Paola De Benedetti, intervenendo sulle recenti polemiche sulla qualita' dei programmi Rai- ma che anzi e' stato visto con successo (la messa in onda sulla tv via cavo di Turner ha fatto raddoppiare lo share medio) da una enorme platea internazionale. 'Mose'', come gli altri, episodi, si propone di trasmettere valori universali, in questo caso quello della liberta' di un popolo e del protagonista, ma anche quello dell'obbedienza alle leggi, senza trascurare l'aspetto spettacolare''. Sono costati, infatti, 2 miliardi gli effetti speciali (da vedere la scena dell'apertura del Mar Rosso), curati dalla Dream Quest (la stessa de ''Il Corvo'').

Con un cast d'eccezione che va da Kingsley al 'Faraone' Frank Langella (gia' visto in ''Dracula'' e ''Dave''), da David Suchet a Christopher Lee, agli italiani Enrico Lo Verso, nei panni di Giosue', Anna Galiena (che e' l'egiziana Ptira) e Anita Zagaria (la mamma di Mose'), il ''Mose''' -ha sottolineato don Marco Frisina, che ha curato le musiche con la consulenza di Ennio Morricone, ma che e' anche uno dei consulenti cattolici del progetto- ''e' stato sicuramente l'episodio piu' difficile fin qui realizzato, non solo per lo sforzo produttivo, ma anche per i precedenti illustri di trasposizione filmica''.

E a proposito di 'confronti', Frisina, che per le musiche di 'Giuseppe' ha vinto il premio conferito annualmente dalle pay tv americane ai migliori prodotti, ha sottolineato che ''in questo film si vedono cose mai viste: vengono raccontati episodi finora trscurati e viene approfondito con grande attenzione il personaggio, anche grazie alla magistrale interpretazione di Kingsley, che riesce a rendere alla perfezione la fragilita' dell'uomo, tormentato dalla paura di assumere su di se' la responsabilita' della propria e dell'altrui liberta'. Una fragilita' che lo rende estremamente vero e attuale''.

(Nex/As/Adnkronos)