TASSI: MERRYLL LYNCH, LE CONDIZIONI CI SONO MA...
TASSI: MERRYLL LYNCH, LE CONDIZIONI CI SONO MA...

Roma, 27 dic. -(Adnkronos)- Le condizioni per una riduzione del tasso di sconto da parte della Banca d'Italia ci sono, ''ma non e' detto che si debba farlo''. Secondo Michele Servodio, economista della Merryll Lynch, tanto il contesto economico con la lira piu' forte ed i prezzi in rallentamento, che quello politico tendente alla stabilita' hanno creato le condizioni per una riduzione del tasso di sconto.

''Le elezioni -ha detto l'economista- sembrano sempre piu' lontane perche' nessuno sembra volersi assumere la responsabilita' di interrompere questo momento positivo''. La lira ''nonostante l'accumularsi di ordini di acquisto di valuta estera essenzialmente per scadenze tecniche di fine d'anno, non ha subito particolari pressioni. Nel cambio con il marco, oggi la troviamo a 1108 dalle 1103 lire cui l'avevamo lasciata prima di Natale. Anche sul dollaro la lira tiene sostanzialmente le quotazioni, mentre i Btp sono a 107,20. L'inflazione, inoltre, ha dato un segnale positivamente inaspettato rivelando una stabilizzazione verso il basso che speriamo trovi conferma con i dati di gennaio''.

Ma ''non e' detto -ha aggiunto Servodio- che anche quando ci siano le condizioni per una riduzione del Tus si debba automaticamente farlo. In genere e' una mossa che si fa subito, come risposta immediata ad analoghe inziative di autorita' monetarie estere. Invece, come sembra di capire dall'atteggiamento della Banca d'Italia, si stanno valutando piu' generali ragioni di opportunita' economica politica''.

(Maz/Pn/Adnkronos)