144: LA RUSSA, ATTENTI ALLA CENSURA
144: LA RUSSA, ATTENTI ALLA CENSURA

Milano, 27 dic. (Adnkronos) - ''Mi pare che in tutta la vicenda dei 144 sia prevalsa l'emotivita' e in taluni una certa vena censoria che non si addice allo spirito di liberta' e di tolleranza che deve pervadere la nostra societa'''. Cosi' ha dichiarato oggi il sen. Vicenzo La Russa, vice capo gruppo del Ccd al Senato, intervenendo nel dibattito sul 144 suscitato da alcuni clamorosi casi di cronaca che hanno provocato prese di posizione e una decisione del governo in materia annunciata per domani.

''Non si deve fare di ogni erba un fascio -prosegue La Russa. Accanto a poche aziende poco serie che hanno lucrato sulle debolezze e i vizi altrui, ci sono centinaia di operatori seri che offrono servizi di informazione e di pubblica utilita' che non debbono essere penalizzati. Ho visto con interesse che la stessa associazione di categoria ha deciso qualche giorno fa di autosospendere i servizi di chat line riconoscendone implicitamente la pericolosita' sociale. Mi sembra un gesto di responsabilita' che deve essere apprezzato e valorizzato dal governo mentre si appresta a varare una nuova disciplina della materia a soli sei mesi dal varo del precedente regolamento''.

''Credo -ha concluso- che nel decreto il ministro dovra' tenere adeguatamente conto del diritto di intrapresa economica che vige ancora in Italia e insieme del diritto alla liberta' di espressione e di informazione in tutte le forme che non contrastino con il senso della decenza e del pudore. Questo sono gli unici limiti che la legge deve porre a salvaguardia dei diritti dei piu' deboli, specialmente dei minori''.

(Com/Pe/Adnkronos)