PAPA: DA ISRAELE UNA RISPOSTA PER LA FAME NEL MONDO (2)
PAPA: DA ISRAELE UNA RISPOSTA PER LA FAME NEL MONDO (2)

(Adnkronos) - ''I parassiti riescono a distruggere piu' della meta' dei raccolti, o peggio danneggiano cosi' gravemente le piante da costringere i contadini ad abbandonare i campi. E gli agricoltori devono traslocare alla ricerca di nuove zone fertili per scacciare lo spettro della carestia. Purtroppo non sempre ci riescono'' continua Gressel che e' convinto di aver trovato l'arma per sconfigegre questa calamita': si tratta di semi geneticamente modificati, ''armati'' di un potente erbicida ''incorporato'' che scaccia il parassita invasore. L'esperimento, raccontato sulla rivista specializzata 'Nature', e' stato sviluppato in campi laboratorio in Kenya e in Tanzania insieme agli scienziati dell'agenzia usa per lo Sviluppo Internazionale. Ed e' stato un successo.

Resta il problema dei costi: il seme antiparassita costa sui 20 dollari l'ettaro, l'erbicida ne costa solo 5. Ma ne serve molto di piu'. ''E poi -assicura Gressel- l'agricoltore riesce a moltiplicare il raccolto e guadagna molto di piu' per cui il sistema gli conviene''. Un bel colpo, insomma, perche' consentirebbe di risolvere insieme il problema della fame nel mondo, di sostenere l'autosufficienza rurale e frenare l'abbandono dei campi e la corsa al sovrappopolamento urbano.

E persino le multinazionali della chimica, secondo Gressel, avrebbero molto da guadagnare: perche' un agricoltore nigeriano non potra' mai permettersi di spendere 50 dollari a ettaro per qualche 'pozione' chimica offerta dalle case di fitofarmaci. ''Ma lo stesso contadino spendera' volentieri 5 dollari per ettaro se sa di aumentare i raccolti. E in Nigeria ci sono 70 milioni di ettari a coltura: moltiplicandoli per cinque il guadagno e' assicurato''.

(Ccr/Zn/Adnkronos)