CRISI: ANDREATTA, NO A SISTEMA FRANCESE, ANCHE CORRETTO
CRISI: ANDREATTA, NO A SISTEMA FRANCESE, ANCHE CORRETTO
ACCORDO FINI-D'ALEMA ANCHE SU DEFICIT?

Roma, 31 gen. (Adnkronos) - Nino Andreatta dice no all'ipotesi di accordo tra i Poli sulla base della proposta di semipresidenzialismo alla francese, con qualche correzione. E invita Massimo D'Alema e Gianfranco Fini a trovare una intesa anche sulla finanza pubblica. ''Ho l'impressione che siamo alla ricerca di un pretesto per poter dire che c'e' un accordo. Poi, si fara' o non si fara'... intanto dicono che c'e'. Allora, Fini e D'Alema dicano cosa fanno della finanza pubblica nelle prossime sei settimane perche', a differenza delle cose costituzionali, se si deve ridurre di 10-20 mila miliardi il deficit pubblico e' piu' difficile fuggire nell'ineffabile''.

''Se vogliono fare un governo senza discutere di finanza pubblica, sono dei cialtroni - accusa il presidente dei deputati del PPI - ma questo e' un problema che li terrorizza talmente che lo censurano. E teniamo conto che tra un mese e mezzo scadono i termini per le condizioni per rientare nello Sme''.

Scettico e ironico, Andreatta, anche nel merito della proposta. ''Che cosa vogliono fare? Una bevanda francese con due gocce di Finlandia e una spruzzata di rum austriaco. E shakerare tutto insieme? - si indigna - il sistema francese ha una sua coerenza, ma ha un costo, i poteri al Presidente, che non ci piace. Ma edulcorato, rischia di non funzionare piu, svirilizzarlo significa vendere aria fritta'''.

(Cor/Gs/Adnkronos)