CRISI: D'ALEMA, A CHI DOBBIAMO DARE RETTA A DOTTI O GASPARRI? (2)
CRISI: D'ALEMA, A CHI DOBBIAMO DARE RETTA A DOTTI O GASPARRI? (2)
MUSSI, PER L'ACCORDO C'E' ANCORA TANTA STRADA DA FARE

(Adnkronos) - D'Alema ha anche commentato lo sfogo del capogruppo del Ppi. ''Andreatta sa benissimo che non stiamo realizzando il programma di governo, ma che siamo solo nel mezzo di un confronto sulle riforme. Sappiamo benissimo che il problema numero uno dell'Italia non e' l'elezione diretta del premier e sappiamo benissimo che il prossimo presidente del Consiglio dovra' affrontare rilevanti e risolutive questioni economiche. Lo sappiamo bene perche', come ricordera', i Progressisti hanno sostenuto lealmente il governo Dini''.

Anche Fabio Mussi getta acqua sull'ottimismo delle ultime ore. ''Di strada da fare ce n'e' ancora molta. Non e' affatto vero che siamo in dirittura d'arrivo. Prima di tutto perche' vogliamo davvero vedere i seri correttivi che verranno apportati al modello semipresidenziale francese, a partire dalla centralita' del Parlamento rispetto ai poteri del presidente della Repubblica. In Francia il Parlamento non ha certo l'importanza che ha in Italia. Basti pensare che in Francia i deputati possono votare per delega...''. La fiducia di Berlinguer, trova il suo contraltare in Mussi. ''Diciamo che Berlinguer e' un ottimista, e' la sua forza''. Ottimista come Dotti? ''Beh, in questo momento sembrerebbe di si''.

(Ruf/Zn/Adnkronos)