MAGHI: IL TELEFONO ANTI-PLAGIO PRESENTA 1.200 ESPOSTI
MAGHI: IL TELEFONO ANTI-PLAGIO PRESENTA 1.200 ESPOSTI

Roma, 20 feb. (Adnkronos) - Dopo la sentenza del Tar dell'Umbria che vieta a dieci cartomanti della provincia di Terni di esercitare il loro mestiere di ciarlatani, il Telefono Antiplagio annuncia nuovi guai per i maghi di tutta Italia. ''Presenteremo 1.200 esposti ai questori e ai prefetti - ha dichiarato all'Adnkronos Giovanni Panunzio, presidente dell'associazione - tanti quanti sono i maghi presenti nelle Pagine Gialle di tutte le province. Chiederemo alle autorita' statali che facciano rispettare l'articolo 121 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza che impedisce l'attivita' dei ciarlatani, di coloro cioe' che approfittano della credulita' popolare per trarne benefici personali''.

Pannunzio ha fatto sapere che gli esposti sono gia' pronti da qualche settimana ''ma che ora saranno inoltrati nel giro di pochi giorni perche' la decisione del Tar rafforza la nostra iniziativa di denuncia che va avanti da un anno e mezzo''. Secondo il presidente del Telefono Antiplagio ''la chiusura degli studi esoterici potra' permettere di contrastare anche il pericoloso fenomeno delle sette sataniche, che spesso e volentieri si nascondono dietro la loro compiacente attivita'''.

(Pam/As/Adnkronos)