CUBA: RICORRE ALL'ASSEMBLEA ONU (2)
CUBA: RICORRE ALL'ASSEMBLEA ONU (2)

(Adnkronos)- L'ambasciatore americano all'Onu, la signora Madeleine Albright, ha accusato i piloti cubani di avere ''assassinato a sangue freddo'' gli occupanti dei Cessna, rilevando con un linguaggio per lei inusuale che ''non si e' trattato di avere i coglioni, ma di vigliaccheria''. Anche in virtu' delle combattutissime primarie repubblicane, a Washington e' intanto scoppiata una polemica sulla reazione all'incidente del presidente Bill Clinton, alle cui parole di fuoco contro Cuba hanno corrisposto sanzioni molto morbide (annullamento dei charter Miami-L'Avana, restrizioni ai viaggi negli Stati Uniti dei diplomatici cubani e sequestro di beni cubani ''congelati'' per compensare le famiglie degli anticastristi uccisi). Sanzioni che tra l'altro renderanno difficile il ritorno a casa dei 3.000 turisti e residenti americani attualmente a Cuba e dei 2.000 cubani in visita negli Stati Uniti.

L'amministrazione viene sottoposta al fuoco incrociato degli esuli cubani della Florida -dove le primarie si terranno tra due settimane- e del capogruppo repubblicano al Senato, il candidato alle primarie presidenziali Bob Dole, che ha promesso di portare in Congresso un progetto di legge per l'inasprimento dell'embargo americano contro Cuba nel quale si contemplano sanzioni anche contro le aziende straniere in affari con l'Avana. Si prevede che questa volta la Casa Bianca non potra' opporre un veto presidenziale al progetto di legge presentato dal falco repubblicano Jesse Helms, presidente della Commissione Esteri del Senato, anche perche' la Florida e' il quarto Stato dell'Unione per popolazione e nel '92 Clinton vi perse per 100mila voti.

(Lun/Gs/Adnkronos)