M.O.: HAMAS RIVENDICA ATTENTATO LUNEDI' A GERUSALEMME
M.O.: HAMAS RIVENDICA ATTENTATO LUNEDI' A GERUSALEMME

Tel Aviv, 28 feb. (Adnkronos/Dpa)- Hamas ha rivendicato oggi la responsabilita' dell'attentato di lunedi' scorso a Gerusalemme, quanto una Fiat Uno nera guidata da un arabo americano e' piombata contro un gruppo di persone alla fermata dell'autobus, falciando una passante e ferendone altri 23. Secondo quanto riferito dalla radio israeliana, il movimento di resistenza islamica ha emesso a Damasco una dichiarazione nella quale si definisce un ''eroe'' Abdul Ajmed Hamida, l'autista della Uno ultimato da due israeliani nel timore che fosse un kamikaze. E, dopo aver ricordato che l'uomo faceva parte dell'''Ezzedin-al-Kassam'', il braccio armato di Hamas, si ribadisce che l'attentato e' stato deciso per vendicare l'assassinio di Yehia Ayash, l'esperto di esplosivi palestinese, il 5 gennaio scorso, e quello di Fathi Schikaki, alla fine di ottobre dello scorso anno, di cui sarebbe responsabile il Mossad, il servizio segreto israeliano.

Sin dall'inizio, non era stato chiaro se si trattasse di un incidente o di un attentato: mentre i segni della frenata lasciati dall'automobile sull'asfalto lasciavano presupporre che l'uomo avesse cercato di evitare l'impatto, i racconti dei testimoni oculari andavano in tutt'altra direzione. E cosi', ieri, dopo aver ricostruito la dinamica dell'incidente, la polizia israeliana aveva dovuto ammettere che Hamida si era lanciato volontariamente contro il gruppo di persone.

(Nap/Gs/Adnkronos)