NATO: USA PRONTI A TRATTARE ANCHE CON ZYUGANOV
NATO: USA PRONTI A TRATTARE ANCHE CON ZYUGANOV

Washington, 28 feb. -(Adnkronos/Dpa)- Washington si prepara ad una sconfitta del presidente Boris Eltsin nelle presidenziali russe di giugno. Gli Stati Uniti sono pronti a trattare anche con una Russia guidata da un governo comunista ''democraticamente eletto'' sull'espansione ad est della Nato, un processo che contribuirebbe a creare stabilita' in Europa orientale anche a beneficio di Mosca, realizzando il progetto del Piano Marshall del 1947. Questa la tesi esposta dal capo del Pentagono, William Perry, in un intervento al ''National press club'' di Washington nel quale ha sottolineato di avere concordato con la controparte russa su tre punti: sui vantaggi recati alla Russia dal mantenimento del ''ruolo guida'' degli Stati Uniti nell'Alleanza Atlantica, sui ''benefici'' per la Germania di una sua permanenza nella struttura Nato e sulla convenienza per Mosca ad ''esercitare un ruolo'' nell'Alleanza.

Perry ha ammesso pero' di non essere riuscito a convincere i suoi intelocutori moscoviti dei vantaggi che a suo parere la Nato potrebbe recare alla sicurezza della Russia. ''L'allargamento della zona di stabilita' sarebbe nell'interesse russo'', ha insistito il segretario alla Difesa americano, ricordando il precedente costituito dalla partecipazione russa alla ''Implementation force'' (Ifor) della Nato in Bosnia Erzegovina, ma anche sottolineando che una ''decisione finale'' sull'espansione dell'Alleanza Atlantica non verra' presa prima del 1997.

(Lun/Zn/Adnkronos)