PAR CONDICIO: MORATTI, DISCIPLINARE TRASMISSIONI O ABOLIRLE
PAR CONDICIO: MORATTI, DISCIPLINARE TRASMISSIONI O ABOLIRLE
RAI CHIEDE INDICAZIONI A COMM. VIGILANZA -

Roma, 28 feb. (Adnkronos) - Disciplinare le attuali trasmissioni informative dedicate prevalentemente alla politica secondo la par condicio, oppure abolirle e affidare i compiti di approfondimento solo a cicli di tribune da programmare in aggiunta a quelli previsti. Sono le due ipotesi formulate oggi dalla presidente della Rai, Letizia Moratti, alla Commissione di vigilanza in merito all'attuazione del decreto per le pari opportunita' in campagna elettorale nelle trasmissioni del servizio pubblico. La Commissione, dovrebbe esprimersi in merito nella riunione convocata dal presidente Taradash per domani alle 12.30.

Letizia Moratti, che ha sottolineato come l'azienda intenda in questa fase ''importantissima'' collaborare ancora di piu' con la Commissione di vigilanza e operare in un'ottica di ''assoluta trasparenza'', ha detto di ritenere importante la possibilita' di applicare sanzioni a chi viola le norme, dando spazio alle rettifiche anche grazie alle valutazioni dell'unita' di garanzia coordinata da Jader Jacobelli. L'organismo valutera' e rispondera' ''tempestivamente'' alle segnalazioni provenienti dalla commissione di vigilanza o potra' agire in modo autonomo. La sua attivita' di valutazione e controllo riguardera' tutta la programmazione Rai, compresi i tg.

Moratti ha anche sottolineato che ''per struttura e per loro natura quasi tutte le trasmissioni di approfondimento politico non si prestano ad essere regolamentate dalle norme della par condicio''. (segue)

(Val/Pe/Adnkronos)