I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

Roma. Continuano su binari paralleli le indagini dei magistrati di Milano e quelli della procura di Perugia per il caso Squillante. L'inchiesta del pool di Mani Pulite si interseca infatti con alcuni filoni seguiti dai giudici del capoluogo umbro presso il quale pende un procedimento penale contro il capo dei gip romani, al momento ancora coperto da segreto istruttorio. Gli altri due filoni di inchiesta riguardano i fondi neri dell'Iri ed il caso Safim, societa' del gruppo Efim.

Amsterdam. Due avventurosi olandesi intendono raggiungere il Polo nord in bicicletta. Marc Cornelissen di 27 anni, e Boris Krielen, di 25, sono infatti partiti oggi in aereo per il Canada settentrionale. Da qui pedaleranno per ben 600 chilometri fino alla meta. Il viaggio iniziera' il primo aprile e durera' almeno quattro settimane. Le due biciclette sono munite di gomme ''extra larghe'', necessarie per poter attraversare il mar Glaciale artico con temperature che toccano i 40 gradi centigradi sotto lo zero. Cornelissen e Krielen avranno un equipaggiamento e approvvigionamenti per un peso di 90 chili ciascuno.

Milano. A quanto pare Renato Squillante, presidente dei gip di Roma, ha intenzione di iniziare uno sciopero della fame. Proprio ieri il giudice per le indagini preliminari Alessandro Rossato aveva respinto la richiesta di scarcerazione presentata dall'avvocato Gaetano Pecorella. Per gli inquirenti del pool di Mani Pulite, in sostanza, Squillante deve restare in carcere, non per pericolo di fuga ne' perche' ritengono che possa ''reiterare'' il reato ma perche' temono che, se rimesso in liberta', inquini le prove. In conseguenza di quest'ultimo provvedimento, il giudice romano ha deciso una personale forma di protesta. (segue)

(Sin/Gs/Adnkronos)