CINA-TAIWAN: TERZO ROUND DI ESERCITAZIONI (NUOVO)
CINA-TAIWAN: TERZO ROUND DI ESERCITAZIONI (NUOVO)

Pechino/Taipei, 19 mar. (Adnkronos/Dpa)- La Cina ha dato oggi il via al terzo round di esercitazioni militari sullo stretto di Taiwan senza risparmiare a Washington proteste e critiche per la sua presenza militare nella zona. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Shen Guofang, ha definito l'invio delle due portaerei, Independence e Nimitz, una ''rude interferenza negli affari interni della Cina e una dimostrazione della forza americana nelle acque al largo di Taiwan''. Shen ha poi criticato i membri del Congresso americano che si oppongono al rinnovo per la Cina della clausola di 'nazione commercialmente favorita': ''Sulla questione della sovranita' la Cina non intente barattare i propri principi di base'', ha detto Shen.

Il segretario al Tesoro americano, Robert Rubin ha dichiarato ad Hong Kong, dove si trova in visita, che il presidente americano Bill Clinton e' favorevole all'estensione della clausola, ma sara' molto difficile convincere il Congresso. Rubin ha espresso ''profonda preoccupazione'' per le continue violazioni dei diritti umani che avvengono in Cina e per l'azione intimidatoria che Pechino ha intrapreso contro Taiwan in vista delle prime elezioni dirette del presidente che si svolgeranno il prossimo 23 marzo. A Rubin ha fatto eco da Singapore l'alto funzionario del dipartimento di Stato americano Peter Tarnoff, che non esclude la possibilita' di un vero e proprio conflitto tra Cina e Taiwan, soprattutto se un colpo oltrepassasse il limite dell'aera dove si svolgono le esercitazioni. E William Perry, segretario della Difesa americano, ha ammonito la Cina dall'attaccare Taiwan, schierandosi quindi a chiara difesa dell'isola. (segue)

(Giz/As/Adnkronos)