USA: NATO IL BIMBO DELLA DONNA VIOLENTATA NEL COMA
USA: NATO IL BIMBO DELLA DONNA VIOLENTATA NEL COMA

New York, 19 mar. (Adnkronos/Dpa) - E' venuto alla luce con un parto naturale, e con un mese d'anticipo, il bambino della donna in coma irreversibile da nove anni, rimasta incinta in seguito alla violenza sessuale subita nel suo stato di incoscienza. ''Il bimbo sta bene e ha l'aspetto di un qualsiasi neonato di 32 settimane'' hanno dichiarato i medici dell'ospedale di New York ''La Rochelle'', che si preparavano a far partorire a maggio, con un parto cesareo, la 29enne, il cui stato clinico e' stato definito ''cronicamente vegetale'.

Per questo lo scorso dicembre aveva fatto scalpore la notizia che la donna era stata scoperta al quarto mese di gravidanza. I genitori, tutori legali dell'ex studentessa di un'universita' cattolica entrata nel 1985 in coma in seguito ad un incidente automobilistico, si erano rifiutati di autorizzare l'aborto e si erano impegnati a adottare il nipotino. La polizia newyorkese non e' riuscita ancora a determinare l'autore dello stupro. Ora sara' possibile analizzare il Dna del sangue del bambino per confrontarlo con quello dei diversi sospetti, fra cui John Horace, un infermiere di 52 anni, gia' condannato in passato per molestie sessuali ai danni di un'altra inferma.

(Red/Gs/Adnkronos)