EDILNORD: TRAMONTA IPOTESI FRANCESE, ACCORDO POSSIBILE
EDILNORD: TRAMONTA IPOTESI FRANCESE, ACCORDO POSSIBILE

Roma, 27 mar. (Adnkronos) - Il riassetto del gruppo Edilnord potrebbe essere concluso in pochi giorni, sta a Paolo Berlusconi, tendere la mano alle banche ed accettare le proposte degli istituti. Questo quanto si apprende in ambienti bancari. A far pensare ad un 'lieto fine' tutto italiano c'e' anche il fatto che, secondo voci ricorrenti negli ambienti finanziari, non avrebbero riscosso successo i tentativi fatti per trovare un broker oltralpe, in Francia, al quale affidare il patrimonio col compito di ricercare anche acquirenti internazionali.

La situazione debitoria del gruppo, principalmente a medio e lungo termine e garantita da ipoteche, segna rosso per circa 400 miliardi e coinvolge numerosi istituti di credito tra cui San Paolo, Cariplo, Bnl, Banca di Roma, Credit e Comit. Dalle banche e' arrivato un piano di riassetto, ed il disaccordo con Berlusconi e' sulla valutazione del notevole patrimonio immobiliare di Edilnord. Berlusconi sostiene che le proprieta' del gruppo superano i seicento miliardi, mentre gli istituti, dopo una stima sommaria, hanno concluso che complessivamente i beni avrebbero un valore di circa 400 miliardi.

Su questa stima incide naturalmente la situazione difficile del mercato immobiliare nel quale andrebbero poi operate le vendite. Dagli istituti ci si augura che Berlusconi arrivi dunque ad un ridimensionamento delle richieste, che se avverrebbe, spianerebbe la strada ad un accordo possibile in pochi giorni.

(Gic/Gs/Adnkronos)