GIORNALISTI: CHIEDONO SUBITO DECRETO-BIS AL GOVERNO DINI
GIORNALISTI: CHIEDONO SUBITO DECRETO-BIS AL GOVERNO DINI

Roma, 27 mar. -(Adnkronos)- I giornalisti italiani chiedono subito un decreto-bis previdenziale al Governo Dini che contenga l'approvazione dell'articolo 9, stralciato nel provvedimento in materia pensionistica approvato ieri dal consiglio dei ministri. L'articolo 9 riguarda infatti l'insieme delle norme collegate al contratto nazionale di lavoro per i giornalisti che riguarda circa un migliaio di disoccupati, l'estensione della cassa integrazione ai periodici e all'emittenza privata e infine la modifica dello scivolo per i prepensionamenti riportato da 15 a 5 anni.

''Non c'e' stata alcuna contestazione del Governo sul punto in questione -spiega Giorgio Santerini, segretario nazionale della Fnsi- il decreto e' stato spezzato e soli i primi sei punti sono andati ad approvazione. Il governo ha deciso di non approvarli anche se per lo stato sono a costo zero e sono solo un accordo fra le parti: editori, giornalisti e Inpgi. Per questo chiediamo al Governo di intervenire immediatamente attraverso un decreto-bis, non accettiamo nessun rinvio. Attendiamo una risposta e intanto domani si riunira' la segreteria che prendera' una decisione in merito''.

''Il provvedimento non ha nulla a che vedere con la campagna elettorale -continua Santerini- il governo approvando l'art.9 non avrebbe fatto nessun favore ai giornalisti avrebbe solo fatto il proprio dovere. La campagna elettorale non puo' far sparire i nostri diritti solo perche' qualcuno puo' strumentalizzarla facendola apparire una mossa per ingraziarsi la stampa. E' un accordo al quale stiamo lavorando da mesi con la collaborazione attiva del ministro del Lavoro. Insomma non accettiamo proroghe 'sine die' perche' la situazione e' molto urgente. In questo modo il contratto approvato a novembre sarebbe monco''.

(Rem/Zn/Adnkronos)